Rassegna delle market news Settembre 2019

Gas Naturale

A settembre, i prezzi del gas per le consegne a breve termine sono stati influenzati principalmente dalla temperatura e dalla produzione di energia rinnovabile. Questa situazione porta a prezzi instabili. Un prezzo basso di dieci anni è stato registrato a 7,5 €/MWh. Considerando l’alto livello delle offerte di gas e anche se entriamo nella stagione invernale con richieste più elevate, la tendenza sui prezzi del gas rimane in calo.

Elettricità

I prezzi dell’energia elettrica per il 2020 sono rimasti stagnanti a settembre a seguito dei prezzi dei costi del combustibile pulito (combustibile pulito = miscela di gas o carbone più diritti di emissione di CO2). La differenza tra il prezzo medio tedesco (49,13 €/MWh) e il prezzo medio francese (51,5 €/MWh) derivava da problemi di produzione nucleare in Francia che ripristinavano la capacità di produzione di energia eolica in Europa.

CO2

A settembre 2019, i prezzi medi dei diritti di emissione di carbonio sono stati di 26 €/t con un punto più basso all’inizio di ottobre a 22 €/t a causa della minore domanda da parte degli investitori. Anche l’economia globale e le notizie sulla Brexit erano fattori importanti sui prezzi.

Olio

I prezzi del petrolio aumentano improvvisamente dopo gli attacchi alle infrastrutture petrolifere in Arabia Saudita. Tuttavia, la domanda debole ha abbassato i prezzi. Questa tendenza dovrebbe rimanere nei prossimi trimestri anche se permangono rischi geopolitici.

Carbone

I prezzi internazionali hanno aumentato leggermente a settembre ma la bassa domanda, specialmente per la produzione di energia in Europa, e le esportazioni indonesiane costanti impediscono ai prezzi della cola di aumentare di più. Il prezzo più alto osservato a settembre è di 60 $/t.

Macroeconomico e Forex

È presente una riduzione globale dell’economia mondiale, soprattutto in Europa. Le banche centrali facilitano l’accesso al denaro. Il risultato del Brexit continua ad essere incerta e comporta rischi elevati sul mercato.

Gas Naturale

Gli stoccaggi pieni, i margini competitivi del gas nel settore termoelettrico e le interruzioni norvegesi hanno lasciato i prezzi europei del gas spot altamente sensibili alle oscillazioni della generazione di energia rinnovabile e alle temperature nelle ultime settimane, portando a una forte volatilità come livello spot. I prezzi day-ahead del TTF sono stati in media di 9,6 €/Mwh a settembre con un minimo di 10 anni a 7,5 €/MWh.

Sebbene i rischi meteorologici stiano aumentando quando entriamo nella stagione di riscaldamento, gli stoccaggi pieni, le alte importazioni di GNL dovute alla debole domanda di GNL in Asia e le forti importazioni di gasdotti dalla Russia manterranno probabilmente i contratti spot sotto pressione ribassista nelle prossime settimane.

Elettricità

I contratti di elettricità per una consegna a 2020 (contratti year-ahead) sono diminuiti ulteriormente di recente, ma sono rimasti complessivamente stagnanti a settembre a seguito dell’evoluzione dei prezzi di CO2. Il contratto Cal20 tedesco ha registrato una media di 49,13 €/MWh (stabile) e il contratto Cal20 francese ha raggiunto una media di 51,5 €/MWh (superiore) il mese scorso. Il più ampio premio FR-DE è dovuto a dei problemi nel settore nucleare.

CO2

I prezzi EUA Dec 19 sono nuovamente diminuiti ulteriormente a settembre fino a 22 €/t all’inizio di ottobre prima di rimbalzare di recente. I fattori chiave del mercato sono rimasti il Brexit e l’ambiente macroeconomico, questioni su cui la visione è diventata più pessimiste. Il contratto Dec+1 ha chiuso a settembre con una media di 26,0 €/t con una diminuzione degli interessi aperti e probabilmente anche della domanda degli investitori.

Olio

I prezzi del petrolio sono aumentati a settembre dopo gli attacchi alle infrastrutture petrolifere saudite, ma le prospettive di una domanda più bassa hanno un peso negativo sui prezzi. Il saldo domanda/offerta dovrebbe diventare sempre più ribassista per i prezzi nei prossimi trimestri, anche se permangono rischi geopolitici.

Carbone

I prezzi internazionali del carbone si sono leggermente ripresi a settembre, ma un debole contesto macroeconomico e le costanti esportazioni indonesiane hanno continuato a limitare i prezzi al rialzo. Sebbene i prezzi dell’ARA siano rimbalzati oltre il limite dei 60 $/t a settembre, le scorte record e la generazione di carbone in collasso in Europa hanno continuato a prevenire un forte aumento.

Macroeconomico e Forex

Le previsioni di crescita globale vengono riviste più in basso. L’area dell’euro sembra particolarmente fragile, ma anche l’economia americana sta rallentando. Le banche centrali sono tornate alla ribalta. La Fed dovrebbe continuare ad allentare la sua politica, che dovrebbe pesare negativamente sull’incertezza totale in USD. Nel Regno Unito, n accordo sulla Brexit dell’ultimo minuto sembra improvvisamente possibile. Ma i rischi di delusione rimangono elevati.