Le unità di misura e gli ordini di grandezza per il mercato dell’energia al dettaglio.

Il mercato dell’energia è composto da diversi segmenti. Ognuno dei quali ha le sue proprie regole. In questo articolo vogliamo spiegare il mercato al dettaglio B2B. Ovvero, spiegare tutte le unità di misura e gli ordini di grandezza che toccano la relazione tra i fornitori e i consumatori B2B.

L’energia

L’unità di misura dell’energia nel sistema globale che si chiama Sistema Internazionale dell’unità è il joule (J). Nella pratica, contrariamente alla maggior parte delle altre unità di misura del Sistema internazionale, l’energia è spesso misurata utilizzando altre unità di misura oltre il joule. Nel mercato al dettaglio di gas e elettricità in Europa, viene utilizzata l’unità di misura Kilowatt-ora (kWh) e i suoi rispettivi multipli che sono: il megawatt-ora (MWh) e il gigawatt-ora (GWh). Per informazione, 1kWh è uguale a 3,6.106 J.

Ogni anno, un’abitazione di medie dimensioni consuma 10 Mwh della combustione di gas della sua caldaia per riscaldarsi e 0,2 Mwh di elettricità per illuminarsi.

La potenza

Il kWh viene definito in termini di unità di potenza: il watt, che fa parte del sistema di unità internazionale dell’unità (SI). Nel linguaggio di tutti i giorni capita spesso di fare confusione tra energia e potenza. Ebbene, la potenza di una macchina è l’energia che la stessa fornisce durante un’unità di tempo: un watt è la potenza di una macchina che fornisce un joule ogni secondo. Al contrario un kWh è l’energia fornita in un’ora da una macchina di 1000 watt.

Un reattore nucleare produce una potenza elettrica media di 860 MW o un’energia di 860 MWh di funzionamento o 7 533 600 Mwh ogni anno. Un reattore nucleare potrà dunque illuminare mediamente più di 37 milioni di case. Una centrale nucleare posside mediamente 3 reattori nucleari.

Il volume

L’utilizzo di unità di misura varia a seconda dei paesi. Per esempio, in Italia per il consumo di gas si utilizza il volume. Bisogna considerare che l’energia liberata dalla combustione di un m3 di gas è circa uguale 11kWh.

Le industrie ad alto consumo di energia

Ci sono cinque industrie che si caratterizzano e distinguono per il loro consumo di gas e elettricità.

Si tratta delle:

  • Industrie della carta e del cartone;
  • Industrie agro-alimentari;
  • Industrie di caoutchouc, plastica e altri minerali non metallici;
  • Industrie metallurgiche;
  • Industrie chimiche.

Per comprendere meglio qui di seguito trovate un grafico dei consumi di queste imprese in Italia  proveniente dal Rapporto Annuale sull’Efficienza Energetica 2018 dell’Enea che si basa su dati Eurostat.